Guida rapida | Stoppini per Candele
Basi del Fai da te

Guida rapida | Stoppini per Candele

Fare candele fai da te può sembrare un hobby semplice che non richiede troppa esperienza. La verità è che ogni passo è cruciale per ottenere candele di qualità. Questa guida rapida sugli stoppini per candele, vuole aiutarti nella scelta lo stoppino giusto per le tue candele cercando di fare un po’ di chiarezza sulle loro caratteristiche. Prima di cominciare, però, volevo dirti che questo è un estratto del mio corso interamente dedicato alla creazione di candele di soia fai da te.

Guida rapida | Stoppini per Candele
SALVAMI IN PINTEREST

Divulgazione delle affiliazioni: questo post contiene collegamenti affiliati a prodotti che consiglio. Cliccandoci ed eseguendo un acquisto, riceverei una piccola commissione SENZA alcun costo aggiuntivo per te. Così facendo mi aiuteresti a creare sempre nuove ricette e a condividerle sul mio blog.

Gabi

Guida rapida | Stoppini per Candele

Gli stoppini sono un elemento fondamentale per la creazione di una candela. Il loro ruolo è quello di fornire combustibile alla fiamma assicurando che la candela bruci in modo ottimale ed omogeneo. Vediamo brevemente cosa significa da un punto di vista chimico capendo cosa succede quando accendiamo una candela.

Candele | Come funzionano

Il processo che osserviamo quando usiamo una candela si chiama combustione, una reazione capace di sviluppare calore. L’esempio tipico è la combustione del legno. Il legno brucia grazie alla presenza di ossigeno, non appena la reazione viene innescata dall’accensione di una fiamma. Nel caso della candela, il processo inizia nel momento in cui la accendiamo e lo stoppino gioca davvero un ruolo importante. Lo stoppino, infatti, assorbe la cera fusa e la fornisce alla fiamma che brucia. La cera, in questo caso, è il nostro combustibile che, quando brucia, passa in forma gassosa e reagisce con l’ossigeno per produrre anidride carbonica (CO2) e calore. Scegliere lo stoppino giusto è uno dei passi più importanti nella preparazione delle candele. L’unico modo per farlo in modo ottimale è testarne il più possibile, provando stoppini di diverse dimensioni fino a quando non si trovi quello ideale.

Guida rapida | Tipi di Stoppini per Candele

Per aiutarti nella ricerca dello stoppino perfetto, vediamo i tipi di stoppini che si possono trovare sul mercato. La prima grande classificazione, che salta subito all’occhio, è basata sul materiale.

Gli stoppini possono essere principalmente di cotone o di legno ma all’interno di ognuna di queste categorie troviamo altre sottocategorie a seconda delle loro caratteristiche.

Guida rapida Stoppini per Candele

1. Stoppini a base di cotone

Gli stoppini di cotone si possono classificare in stoppini rotondi o stoppini piatti.

In entrambi i casi abbiamo stoppini composti da fili di cotone intrecciati che, però, in un caso hanno una sezione rotonda e nell’altro una più schiacciata. Tra i due, il secondo è spesso preferito perché durante la combustione lo stoppino si piega su se stesso, rimanendo nella fiamma che lo consumerà senza creare fuliggine. Tra gli stoppini di cotone ci sono anche quelli con all’interno un’anima rigida. Questo filamento può essere di carta o di metallo come zinco e nichel. La presenza di questo filamento rende lo stoppino più rigido ed è spesso preferito per le candele religiose o a colonna.

2. Stoppini di Legno

Nel caso degli stoppini di legno, la differenza si basa sulle dimensioni: spessore, larghezza e lunghezza. Per una cera fluida e poco viscosa, sarà necessario uno stoppino sottile mentre, viceversa, per una cera più viscosa come quella di soia sarà opportuno utilizzare uno stoppino più spesso.

Indispensabili sono i porta stoppini, che devono sostenere lo stoppino e devono essere saldamente fissati al fondo del contenitore. Generalmente sono forniti con gli stoppini, ma se non lo sono assicurati di comprarli separatamente. Se non sono attaccati bene, potrebbero staccarsi con il calore e cadere nella cera, spegnendola o nel peggiore dei casi farla incendiare. Attenzione, insomma.

Perché scegliere il giusto stoppino è così importante?

La scelta dello stoppino è fondamentale per far sì che la candela si consumi in modo uniforme e graduale. Vediamo quali scenari potremmo osservare se la scelta dello stoppino non fosse giusta.

1. Tunneling

Se lo stoppino scelto è troppo piccolo, rispetto al diametro del nostro contenitore, potremmo incorrere in quello che si chiama Tunneling. In questo caso, la candela brucerà solo intorno ad essa lasciando la cera non fusa intorno alle pareti del contenitore. Si consumerà gradualmente formando un tunnel. La cera ha quella che si chiama memoria, quindi anche se cercassimo di migliorarla regolando la cera, potremmo incorrere nuovamente in questo problema.

Stoppini per Candele tunneling

2. Fumo, fuliggine e fiamma danzante

Se invece lo stoppino è troppo grande, rispetto al diametro del contenitore, svilupperà molto più calore di quello di cui ha bisogno una candela di quelle dimensioni. Il risultato sarà un grande strato di cera fusa, noto anche come melt pool. Il problema induce una fiamma alta causata da troppa cera fusa che viene inviata dallo stoppino alla fiamma. Questo porterà anche ad altri problemi come la formazione di fumo e fuliggine e una fiamma in rapido movimento. Questi problemi sono chiamati fumo, fuliggine e fiamma danzante.

3. Fungo

Un altro problema che possiamo osservare nel caso di uno stoppino grande è il mushrooming o fungo. Quando troppa cera fusa viene inviata alla fiamma, lo stoppino può assumere la forma di un fungo. È causato dall’eccessivo accumulo di carbonio carbonizzato. È quindi necessario utilizzare uno stoppino della giusta dimensione. 

La condizione ideale è quando la dimensione dello stoppino fornisce della cera fusa di spessore circa 1 cm. Il bacino di fusione dovrebbe essere uniforme in tutta la dimensione del contenitore. Non si dovrebbe osservare alcun fumo o movimenti fluttuanti della fiamma.

Guida rapida | Stoppini per Candele

Dopo le varie prove per trovare la giusta dimensione dello stoppino, assicurati di metterlo esattamente al centro perché altrimenti una zona della candela sarà più calda dell’altra, inducendo la fusione della cera in modo non uniforme.  

Questa è una panoramica generale degli stoppini per aiutarti a fare chiarezza sui diversi tipi disponibili là fuori. Se vuoi anche saperne di più sul tipo di cera e sui contenitori, ecco il mio corso con tutti i dettagli.

Vuoi iniziare a fare la tua candela di soia? Controlla la mia ricetta, per fare una candela con arancia e cannella.

Hai sempre desiderato creare la tua skincare routine naturale, ma fai fatica a capire da dove iniziare? Nella mia GUIDA GRATUITA, ti mostro 4 semplici ricette per poter realizzare un’intera skincare routine naturale, totalmente fatta in casa! Iscriviti qui sotto per accedere alla tua guida gratuita!
newsletter
Iscriviti ora.